Separazione e Divorzio

Home Approfondimenti Separazione e Divorzio

Che cos'è la negoziazione assistita in materia di separazione e divorzio?

Il D.L. n. 132/2014 convertito in L. n. 162/2014 ha previsto che le coppie, che intendano separarsi o addivenire alla cessazione degli effetti civili/scioglimento del matrimonio consensualmente, possono avviare la procedura di negoziazione assistita da avvocati, come strumento alternativo al ricorso ordinario davanti al Tribunale.

Nella pratica, si tratta della possibilità di stipulare un accordo, mediante cui le parti, assistite ciascuna da uno o più avvocati, convengono di cooperare secondo buona fede e con lealtà allo scopo di dirimere in via amichevole la controversia in materia di separazione o cessazione per gli effetti civili del matrimonio.

Affinché sia possibile procedere alla stipula della convenzione di negoziazione assistita è necessario che vi sia un accordo tra le parti e che non vi sia conflitto circa la determinazione delle condizioni.

Una volta sottoscritto l’accordo tra i coniugi, gli atti vengono trasmessi entro 10 giorni al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente, affinché quest’ultimo possa procedere o all’apposizione del nullaosta o, in presenza di figli minori, maggiorenni non autosufficienti, portatori di handicap od incapaci, al rilascio dell’autorizzazione necessaria per il successivo inoltro all’Ufficio dello Stato Civile nei cui registri è stato iscritto o trascritto il matrimonio.

A seguito, infatti, del rilascio del nullaosta o dell’autorizzazione da parte della Procura, uno dei due avvocati avrà l’onere di trasmettere una copia autentica dell’accordo all’Ufficio di Stato Civile competente entro il termine perentorio di 10 giorni dalla comunicazione, così da consentire la successiva trascrizione dell’accordo stesso a margine dell’atto di matrimonio.

Sebbene l’accordo raggiunto dai coniugi a seguito di negoziazione assistita costituisca un atto di autonomia privata, per espressa previsione normativa, esso produce gli stessi effetti di un provvedimento del giudice.

Lo Studio Legale Di Vietro offre assistenza e consulenza ai Clienti che decidano di ricorrere alla negoziazione assistita per le procedure di separazione e divorzio.

Che cos'è la separazione consensuale ?

È la separazione legale che intercorre tra i coniugi quando vi è consenso fra loro circa la volontà di separarsi e le condizioni della separazione. Qualora mancasse tale consenso, sarà necessaria una separazione di tipo giudiziale, con la conseguente necessità di instaurare un procedimento contenzioso.

Il ricorso deve essere depositato presso il Tribunale del luogo ove i coniugi hanno avuto l'ultima comune residenza.

Quali sono i documenti necessari per la separazione consensuale?

I documenti necessari per la separazione consensuale sono i seguenti:

Che cos’è il divorzio congiunto?

È la richiesta dei coniugi di procedere in maniera congiunta allo scioglimento del matrimonio civile o alla cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario.

Il presupposto essenziale è che vi sia l’accordo dei coniugi con riguardo a tutte le condizioni di divorzio; in caso contrario, infatti, sarà necessario instaurare un divorzio giudiziale.

Il divorzio congiunto si richiede attraverso il deposito di un ricorso presso il Tribunale del luogo in cui uno dei coniugi ha la residenza.

L’assistenza del difensore è indispensabile, benché sia possibile che i coniugi siano rappresentati congiuntamente da un solo avvocato (scelto quindi di comune accordo).

Quali sono i documenti necessari per il divorzio congiunto?

I documenti necessari per il divorzio congiunto sono i seguenti:

Studio legale Di Vietro - P.IVA: 04755410968
via Guglielmo Marconi, 61 - 20813 Bovisio Masciago (MB)
www.studiolegaledivietro.it
info@studiolegaledivietro.it
+39 0362 590859
© Creative Studio