Il figlio che si prende cura dei genitori anziani può chiedere il rimborso al fratello?

Home Articoli Il figlio che si prende cura dei genitori anziani può chiedere il rimborso al fratello?

Succede, a volte, che sia soltanto uno dei figli ad occuparsi degli anziani genitori e che i fratelli o sorelle se ne disinteressino, magari perché lontani o semplicemente per noncuranza. Sorge quindi la domanda: il figlio che ha sempre assistito il genitore, magari pagando cure e investendo il proprio tempo, può chiedere un rimborso al fratello? La risposta è negativa. Il figlio che si prende cura dei genitori adempie infatti ad un’obbligazione naturale, dando spontaneamente esecuzione a doveri morali e sociali imposti dal principio di solidarietà. Tali prestazioni non sono ripetibili, ossia non è possibile chiederne la restituzione. Ricordiamo poi che, a differenza di quanto si possa pensare, il figlio più “volenteroso” non avrà diritto ad una quota maggiore dell’asse ereditario, salvo che il genitore - mediante testamento – gli lasci la quota disponibile, garantendo comunque agli altri figli la loro quota di legittima. Quali sono allora i rimedi a cui può ricorrere il figlio che si occupa in via esclusiva dei genitori, magari ospitandoli nella propria abitazione? In realtà, il figlio non può far nulla. Saranno infatti, eventualmente, i genitori o il genitore bisognoso a dover chiedere agli altri figli di versare gli alimenti, come prescritto dal codice civile e, in caso di loro rifiuto, rivolgersi al Tribunale per ottenere una condanna in tal senso.
© Creative Studio